Full View I
Detail Image I
Detail Image VII
Detail Image III
Full View II
Detail Image V
Detail Image XIII
Detail Image III
Detail Image IX
Detail Image X
Detail Image XI
Detail Image VI
12 Installations

  Installazione al Ross Camp, 2017

  

Nel reagire a questo spazio, ci sono stati echi di campi di concentramento e rifugiati. Da quando è stata costruita questa struttura ha ospitato migliaia di persone. Tutti hanno questa posizione come esperienza condivisa. Se lo guardiamo da vicino, stando in questa stanza, assorbendo la storia, questa particolare area è stata riempita con un assortimento di emozioni umane, ha conosciuto una varietà di odori e ha sentito una vasta gamma di voci. Ricordi su ricordi sono stati creati qui. Consentendo a questo spazio di incorniciare l'opera, esiste una nuova conversazione.

 

Durante la mostra veniva riprodotto il suono ripetitivo e registrato di una scopa che si muoveva su questo pavimento irregolare. Quando pulivo il pavimento ho cominciato a pensare a come noi, la razza umana, puliamo sempre i nostri pasticci. Non solo fisicamente, ma emotivamente, socialmente e psicologicamente. Tutta la guerra ... Olocausto, 911, rifugiati, sparatorie, inquinamento, così tanti disastri, così tanto odio, così tanta ignoranza, sembra che stiamo pulendo costantemente ... è un circolo vizioso continuo.